24 Maggio 2022
News
percorso: Home > News > Le nostre news

CATALENT fugge da Anagni. Persi centinaia di posti di lavoro

20-04-2022 15:57 - Le nostre news
Il mancato investimento di 100 milioni di dollari della casa farmaceutica Catalent nello stabilimento di Anagni è un fatto gravissimo perché sono soldi che avrebbero portato innovazione, ricerca e oltre cento posti di lavoro con professionalità medio-alte più tutto l’indotto che ne sarebbe derivato. Una situazione che rischia di produrre un effetto domino per altre aziende con mancati investimenti per lo sviluppo e la perdita di nuovi posti di lavoro nella Regione. Questo è quello che è stato ribadito dalla CGIL Roma e Lazio, CISL Lazio, UIL Lazio e le categorie interessate, Filctem CGIL Roma e Lazio, Femca CISL Lazio, UILTec al tavolo con la Regione Lazio per fermare quella che sarebbe l’ennesimo treno perso per la nostra regione e per il nostro paese sia dal punto di vista tecnologico che occupazionale. Assistiamo troppe volte che per un sistema burocratico troppo lento si perdono investimenti. “Ci auguriamo di riallacciare un rapporto con Catalent, capire se c’è la possibilità di recuperare in qualche modo quelle autorizzazioni e snellire la parte burocratica per permettere a tutte quelle aziende che oggi sono in attesa di accelerare gli iter burocratici”, concludono i sindacati.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Gentile Signore/a,
ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio