07 Dicembre 2021
News
percorso: Home > News > Le nostre news

INCOSTITUZIONALE l’art.177 del Codice degli Appalti - Grandissima vittoria dei lavoratori

23-11-2021 15:25 - Le nostre news
La Corte Costituzionale ha riconosciuto, con la sentenza pubblicata oggi, la rivendicazione di FILCTEM, FLAEI, FEMCA e UILTEC e delle Confederazioni CGIL CISL UIL: l’art.177 del Codice degli Appalti è contrario alla Costituzione.
La sentenza conferma ciò che sosteniamo da anni: “la previsione dell’obbligo, a carico dei titolari di concessioni affidate direttamente, di esternalizzare tutta l’attività oggetto della concessione – mediante appalti a terzi dell’80% dei contratti inerenti la concessione stessa … costituisce una misura irragionevole e sproporzionata rispetto al pur legittimo fine di garantire l’apertura al mercato e alla concorrenza”.
Una battaglia, quella del Sindacato Confederale, che è stata sostenuta da tutti i Lavoratori e le Lavoratrici dei settori interessati, culminata nello sciopero generale del 30 giugno 2021. Si dimostra in questo modo che il Sindacato Confederale agisce nell’interesse del Paese, spesso inascoltato dalle forze politiche e dalle Istituzioni. Abbiamo impedito la totale destrutturazione industriale di interi comparti che rappresentano il cuore produttivo dell’Italia.
Ai Lavoratori e alle Lavoratrici dei nostri settori diciamo un gigantesco GRAZIE! L’unione attorno a FILCTEM, FLAEI, FEMCA e UILTEC consente di cogliere obiettivi che molti pensano (e spesso dicono) irraggiungibili.
Documenti allegati
Dimensione: 247,12 KB

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Gentile Signore/a,
ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio