24 Maggio 2022
News
percorso: Home > News > Le nostre news

POCO LAVORO e TANTO PRECARIATO

06-02-2022 08:00 - Le nostre news
Si conferma una tendenza, verificata nel corso di tutto l'anno appena passato, di una crescita occupazionale molto più bassa di quella del Pil.

Una ripresa con poco lavoro dunque, e in più con occupazione precaria e con una crescita salariale inferiore a quella dell'inflazione. I dati Istat confermano che, qualunque sia il riferimento temporale della comparazione, la qualità della nuova occupazione è precaria.

Quello che appare evidente è che, non solo l'aumento dell'occupazione è insufficiente, ma che la precarietà è la scelta quasi assoluta delle imprese. Una situazione insostenibile e non accettabile. È necessario ed estremamente urgente, decidere che le scelte, almeno per quanto riguarda l'utilizzo degli investimenti pubblici, siano orientate a invertire questa tendenza. Per discutere di qualità dello sviluppo anche il tema della giustizia e della compatibilità sociale è fondamentale.

Il lavoro e la sua qualità ne sono un elemento essenziale: un salario e un lavoro dignitoso sono una cartina di tornasole fondamentale della qualità dello sviluppo e anche un elemento essenziale per la sua durata futura.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Gentile Signore/a,
ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio