28 Ottobre 2020
News
percorso: Home > News > Le nostre news

Settore farmaceutico,
nessuna quarantena per i lavoratori

16-03-2020 11:48 - Le nostre news

Se un lavoratore del settore farmaceutico entra in contatto con un soggetto positivo al coronavirus, anche un familiare, non può andare in quarantena. La denuncia arriva dai segretari generali di di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, rispettivamente Marco Falcinelli, Nora Garofalo, Paolo Pirani. La disposizione è contenuta nell'articolo 14 della bozza di decreto “Cura Italia”.

“Anche per i lavoratori del settore farmaceutico, dei dispositivi medici, della ricerca e della filiera integrata dei subfornitori, devono valere le misure previste dal protocollo sicurezza", scrivono in una nota i sindacalisti.

Insomma l'assenza dal lavoro sarebbe possibile solo se si ammalano loro stessi. Di fatto “sarebbero gli unici in Italia – proseguono i tre segretari generali -: nessuno è sottoposto a tali restrizioni nemmeno il personale medico e dell'ordine pubblico, è inaccettabile".

"Una lesione del loro diritto individuale alla salute, ma anche di quel diritto collettivo che è stato al centro di tutti i provvedimenti finora intrapresi dal Governo. Una norma così congegnata avrebbe l'effetto di favorire il contagio all'interno delle aziende”, concludono Falcinelli, Garofalo e Pirani.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Gentile Signore/a,
ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio