22 Settembre 2021
News
percorso: Home > News > Le nostre news

FERMIAMO LE STRAGI SUI POSTI DI LAVORO

20-05-2021 09:59 - Le nostre news
La sicurezza sul lavoro è una priorità a cui non si può rinunciare e su cui bisogna moltiplicare ogni sforzo perché la pandemia e la crisi sociale stanno acuendo una tendenza nella quale, per la necessità di trovare un’occupazione, crescono spesso le situazioni esposte a condizioni non sufficientemente sicure”. Per queste ragioni CGIL CIS e UIL hanno indetto per il 20 maggio, giornata in cui si ricorda l’approvazione dello statuto dei lavoratori avvenuto 51 anni fa, la “Giornata per la sicurezza sul Lavoro”.
Se da una parte ci sono aziende che investono sulla qualità, sul fare rete, sulle competenze e sulla collaborazione coi lavoratori, creando lavoro ‘certo’, non possiamo non interrogarci su quanto la piaga delle morti sul lavoro non sia legata spesso anche a una imprenditorialità incline oppure subordinata a mercati giocati sul ‘massimo ribasso’, al cercare una produttività da furbi, talvolta che strizza l’occhio anche a un’economia sommersa e illegale.
Serve più formazione, controlli mirati, e forse anche un maggior studio e capacità di lavorare sui dati e di georeferenziare territori e settori per circoscrivere quelli a massimo rischio ed intensificare in modo mirato e tempestivo i controlli



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Gentile Signore/a,
ai sensi del D.Lgs. 196/2003, sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, il trattamento delle informazioni che La riguardano, sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e tutelando la Sua riservatezza e i Suoi diritti.
In particolare, i dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale, possono essere oggetto di trattamento solo con il consenso scritto dell’interessato e previa autorizzazione del Garante per la protezione dei dati personali (articolo 26).

torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio